Ultima modifica del

Cambiamenti Facebook Ads e Apple iOS 14: come prepararsi

I cambiamenti Facebook Ads e Apple iOS 14 sono programmati per gli inizi del 2021. Tu e i tuoi clienti potreste chiedervi cosa sta succedendo con la notifica che viene visualizzata nella parte superiore della maggior parte dei Facebook Ads Manager in questo momento.

Potresti aver visto questa notifica.

Facebook Apple iOS Changes

A partire dai primi mesi del 2021 Apple mostrerà agli utenti delle app Facebook e Instagram un popup che consentirà loro di disattivare il tracciamento dei dati “su app e siti Web di proprietà di altre società“.

Apple iOS Tracking popup

In questo post imparerai:

  1. In che modo l’aggiornamento di Apple iOS 14 influenzerà gli inserzionisti
  2. I maggiori problemi che vediamo per gli inserzionisti
  3. Azioni che puoi intraprendere ora per prepararti
  4. Come configurare la verifica del dominio in Facebook (passaggio consigliato)
  5. Se devi o non devi farti prendere dal panico 😆

Alcuni avvertimenti:

  1. ci sono ancora molte incognite quindi alcune di queste sono speculazioni su come funzioneranno le cose
  2. Non sappiamo quante persone negheranno l’autorizzazione quando vedranno il popup
  3. Non sappiamo esattamente quando questo messaggio verrà visualizzato

In che modo l’aggiornamento di Apple iOS 14 influirà su Facebook e Instagram Ads

Cosa significheranno davvero questi cambiamenti di Facebook Ads e iOS 14 per gli inserzionisti? I maggiori effetti di questo cambiamento:

  • monitoraggio delle azioni dei pixel dagli annunci di Facebook. Qualsiasi tracciamento come Lead, Aggiungi al carrello, Acquisti, conversioni personalizzate, ecc. con il Pixel sarà ora sottostimato a causa delle persone che negano l’opt-in al popup visualizzato in iOS
  • Ottimizzazione degli annunci per queste azioni. Poiché anche il pixel non “impara”, gli annunci potrebbero non essere ottimizzati anche per le persone che stanno intraprendendo le azioni.
  • Annunci di retargeting. Quando crei un pubblico di retargeting, chiunque abbia visitato il tuo sito web da un dispositivo iOS 14 non vedrà il tuo annuncio con retargeting (ancora alcuni problemi non chiari su questo punto).
  • Pubblici personalizzati. Poiché non avremo dati su chi ha visitato il sito da dispositivi iOS, non potremo creare una retargeting audience o una lookalike. Ma potrebbe esserci un pubblico di coinvolgimento di cui queste persone faranno parte (punto ancora confuso).
  • Installazioni di app. Facebook non sarà in grado di ottimizzare le installazioni di app o altre conversioni relative alle app per dispositivi iOS se hai un’app che stai pubblicizzando.

Questa modifica è SOLO per le persone che utilizzano dispositivi iOS quando eseguono l’aggiornamento a iOS 14. Il tracciamento dei dati continuerà a funzionare su Android e desktop e per le persone che NON rinunciano, sebbene Facebook stia apportando alcune modifiche radicali di cui parleremo.

Importante da notare è che TUTTI gli inserzionisti saranno interessati: Pinterest, LinkedIn, Snap Chat, Tik Tok, YouTube e Google.

Sarai comunque in grado di ottenere lead, vendite e azioni dai dispositivi iOS 14, semplicemente non sarai in grado di TRACCIARE o ottimizzare anche per quelle azioni.

Obiettivi di annunci che saranno interessati

  • Traffico di annunci che sono ottimizzati per Landing Page Views (che utilizzano il Pixel). Se stai ottimizzando i clic sui link, i tuoi annunci non saranno interessati.
  • Annunci di conversione ottimizzati per eventi standard o conversioni personalizzate
  • App Install quando targettizzi utenti iOS
  • Catalog Sales quando vanno sul tuo sito web (per gli shop Facebook e Instagram, la permanenza sulla piattaforma sarà ancora tracciata)

Facebook Ad objectives affected by the iOS change

Gli altri obiettivi, in particolare la Lead Generation, avvengono tutti su Facebook in modo che l’attività venga comunque tracciata e segnalata correttamente.

I problemi maggiori per gli inserzionisti

Ci sono più modifiche di Facebook Ads e Apple iOS 14 che avvengono contemporaneamente. Alcune sono collegate tra loro e alcune sono indipendenti.

Ovviamente il reporting sarà il grosso problema. Continuerai a ricevere lead e vendite, ma non sarai in grado di tracciare i risultati in maniera precisa, né ottimizzare le azioni. Quindi il tuo costo per azione aumenterà di conseguenza.

Il problema più grande sarà la perdita di ottimizzazione a lungo termine.

Non saremo in grado di effettuare il retargeting o creare un pubblico simile dagli eventi e l’ottimizzazione delle nostre campagne ne risentirà. Quanto “soffriranno” è difficile da dire.

Probabilmente il problema sarà più grande per gli e-commerce che utilizzano Facebook/Instagram ads in maniera consistente e che si basano sui volumi.

Un altro problema è che Facebook sta ora ridimensionando gli eventi di tracciamento a un massimo di 8 eventi per dominio (eventi standard come acquisto e conversioni personalizzate!!)

una volta che queste modifiche avranno effetto, i domini dei siti web che attualmente inviano eventi saranno inizialmente configurati da Facebook per inviare non più di 8 eventi predefiniti per dominio. Qualsiasi set di annunci che ottimizza gli eventi al di fuori di questo nuovo limite di eventi verrà messo in pausa.

Questo potrebbe non interessare le persone che hanno un funnel semplice senza molti passaggi, ma per le persone con più prodotti e conversioni personalizzate sarà sicuramente un problema.

Puoi iniziare a prepararti per questo ora decidendo quali eventi sono i più importanti da monitorare.

Un’altra modifica di Facebook che interesserà tutti gli annunci: non tracciare finestre di conversione più lunghe. Quindi, se hai un ciclo di vendita più lungo, vedrai gli acquisti tracciati diminuire.

Facebook monitora solo queste finestre di conversione:

  • clic di 1 giorno
  • clic di 7 giorni (impostazione predefinita)
  • clic di 1 giorno e visualizzazione di 1 giorno
  • clic di 7 giorni e visualizzazione di 1 giorno

Questo problema è in realtà indipendente da Apple poiché lo sarà per tutti i loro annunci. Molti clienti sono concentrati su un ciclo di vendita e una finestra di monitoraggio più brevi, quindi questo potrebbe non essere un grosso problema per te – in ogni caso puoi utilizzare i link UTM di Google o altri metodi per eseguire il backup del monitoraggio.

E ovviamente chiunque utilizzi le installazioni di app come obiettivo è fortemente influenzato da questo aggiornamento, come accennato in precedenza.

Come preparare i tuoi annunci Facebook per l’aggiornamento Apple iOS 14

  1. Ottieni la verifica del dominio. Non siamo sicuri del motivo per cui Facebook lo consideri importante ora, ma è qualcosa che stanno suggerendo ed è comunque una buona idea. Fallo anche con i tuoi clienti.
  2. Inizia a capire quanti acquisti / lead e altri eventi provengono da dispositivi iOS (usa i rapporti Analisi), così puoi vedere come potrebbero essere influenzati i tuoi rapporti.
  3. Scegli gli eventi di conversione che utilizzerai – se ne hai più di 8. Ciò include Aggiungi al carrello, Acquista, Lead, Completa registrazione ed eventuali conversioni personalizzate che hai impostato.
  4. Concentra i tuoi sforzi pubblicitari sull’acquisizione di indirizzi email – per poter fare meno affidamento sull’ottimizzazione dei pixel per il retargeting e più su campagne via email. Puoi utilizzare Lead Generation o Conversion Ads per questo, ma gli annunci Lead Generation avranno un vantaggio in futuro con l’aggiornamento Apple (anche se a livello qualitativo non è la stessa cosa).
  5. Invia ai tuoi clienti messaggi su questi passaggi e lavora con loro sulla verifica del dominio. Sentiti libero di condividere questo post del blog con loro.

Come impostare la verifica del dominio per Facebook

Facebook ha un tutorial sulla verifica del dominio qui: https://developers.facebook.com/docs/sharing/domain-verification

Ulteriori informazioni sulla verifica del dominio sono disponibili qui: https: //www.facebook .com / business / help / 245311299870862

Questo passaggio serve a dare segnali a Facebook che il tuo dominio è connesso al tuo Business Manager e tu hai il controllo sul tuo dominio.

Cose da notare:

  1. devi utilizzare Facebook Business Manager per impostare la verifica del dominio.
  2. Se stai pubblicizzando il tuo negozio su Amazon o un sito web che non è sotto il tuo controllo, non sarai in grado di eseguire questo passaggio.
  3. Devi essere un amministratore completo in Business Manager per eseguire questo processo.
  4. Ci sono 3 opzioni che puoi usare, devi solo sceglierne UNA.
  5. Assicurati di essere il PROPRIETARIO di quel dominio. Più manager aziendali non possono verificare il dominio.

Prima di iniziare il processo, assicurati di avere accesso al tuo sito web e di essere un amministratore nel tuo Business Manager.

Come verificare il tuo dominio su Facebook:

  1. vai all’Area domini nella sezione Sicurezza nelle Impostazioni aziendali. Questo collegamento dovrebbe portarti direttamente lì: https://business.facebook.com/settings/owned-domains
  2. Fai clic sul pulsante blu Aggiungi.
  3. Inserisci l’indirizzo del sito Web nella finestra popup e fare clic su Aggiungi dominio. Potrebbe essere necessario aggiornare la schermata per visualizzare il dominio nell’elenco.
  4. Scegli uno dei 3 metodi di verifica: verifica DNS, caricamento file HTML, verifica metatag e segui le istruzioni in quella scheda. Potresti aver bisogno dell’aiuto del tuo sviluppatore. L’upload del file html dovrebbe essere la cosa più semplice (se utilizzi WordPress, accedi al file manager nella gestione del tuo hosting, e carica il file html nella root principale del sito).
  5. Dopo aver seguito queste istruzioni, fai clic sul pulsante verde Verifica e dovresti vedere il punto rosso accanto al tuo dominio passare da rosso a verde, il che significa che avrai finito.

Gli screenshot:

Passaggi 1 e 2:

Domain Verification Facebook

Passaggio 3:

Add your website

Passaggi 4 e 5: Gli

Meta-tag Verification Facebook

Gli advertiser dovrebbero farsi prendere dal panico per le modifiche di Facebook Ads e Apple iOS 14?

Quello che sappiamo sicuramente è che le conversioni tracciate peggioreranno perché le persone rinunceranno a farsi tracciare da Facebook.

Ci sono ancora MOLTE incognite, quindi non crediamo sia ancora necessario farsi prendere dal panico.

Non sappiamo come sarà influenzata l’ottimizzazione.

L’advertising è sempre esistito e funzionato bene anche prima di Facebook o senza dover necessariamente spiare ogni movimento dei consumatori.

Molti inserzionisti saranno interessati in misura minima a causa dei tipi di annunci che stanno eseguendo.

Quindi lasciamo il panico a più tardi: ne abbiamo avuto abbastanza nel 2020 🙂

Risorse

Risorse sul tema

Disclaimer: articolo adattato dall’originale della stimata collega Andrea Vahl, con la quale ho avuto il piacere di partecipare a DMSS Bali e a un recente webinar.

Rimani aggiornato. Ricevi post come questo via email!
Odiamo lo spam anche noi, non ti bombarderemo né condivideremo la tua email. Promesso!

Inviando questo form confermi di aver letto la nostra politica sulla privacy e presti il consenso per ricevere comunicazioni di marketing da Webing.
Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Author: Andrea D'Ottavio

Avatar
Andrea è un digital nomad entrepreneur. Lavora ovunque sia disponibile una connessione dati, il laptop e un bel surf spot vicino.Andrea è founder di Webing, la prima social media agency ad essere al 100% location-independent. Un team che lavora da oltre 6 anni in spazi di coworking in varie città del mondo. Andrea ha gestito centinaia di campagne digital per brand come Ferrari, Alitalia, Discovery, Hyundai, Meridiana, Euronics, Maggiore, Pepe Jeans, Tommy Hilfiger, Wonderbra, Abbvie, Microsoft, Clinique e molti altri. È inoltre ideatore e Founding Partner di Webing Academy, la prima pop-up academy specializzata in corsi sulle hot topics del mondo digitale e ha lanciato in anteprima in Italia il primo corso sul growth hacking.Andrea vive a Londra ma lo puoi incontrare spesso a Milano, Bali, Singapore, Roma e New York, lavorando in qualche coworking space o vicino a qualche oceano in cerca di onde.

Lascia un commento