Ultima modifica del

I 10 migliori software per email marketing del 2022

Vuoi far crescere il tuo business – e hai bisogno di un software di email marketing che sia facile da usare, conveniente e che trasformi i tuoi contatti in clienti – giusto?

Sembra facile, ma con più di 450 strumenti di email marketing tra cui scegliere – e con il sito web di ogni azienda di email marketing che dice la stessa cosa, è tutt’altro che semplice.

Per identificare il miglior software di email marketing per le diverse aziende, abbiamo intervistato più di 1.700 marketer – che vanno dalle startup unipersonali ai CMO di Fortune 500 – che erano in procinto di cambiare software di email marketing per capire da quale strumento si stanno spostando e verso quale – e perché.

La seguente lista top 10 è il risultato di centinaia di ore di ricerca, che spero ti aiuterà a scegliere il software di email marketing perfetto per te.

  1. ActiveCampaign – migliore per le piccole imprese e le aziende
  2. HubSpot – migliore per le aziende di servizi B2B
  3. Sendinblue – migliore per le email transazionali
  4. Drip – migliore per le piccole-medie imprese di e-commerce
  5. Omnisend – migliore per le imprese di e-commerce medio-grandi
  6. Autopilot – migliore per la marketing automation
  7. Benchmark – migliore per le agenzie
  8. MailerLite – migliore per i progetti personali
  9. Mailchimp – ottimo per aziende di ogni dimensione
  10. EmailOctopus – migliore per gli sviluppatori (usa AWS)

Di seguito trovi una recensione dei pro e dei contro di ogni tool. Abbiamo poi suddiviso i fattori che caratterizzano un software di email marketing potente, con un confronto testa a testa di tutti e dieci gli strumenti di email marketing su tutti e nove i fattori, dall’accessibilità e la facilità d’uso alle integrazioni e alla capacità di delivery.

______

1. ActiveCampaign

Migliore per le piccole imprese e le aziende

Una volta sfavorito, ActiveCampaign è ora uno degli strumenti di email marketing più popolari con oltre 130.000 piccole imprese clienti.

ActiveCampaign offre una collezione di strumenti di “automazione dell’esperienza del cliente” (CXA) – dal marketing via SMS ed e-mail alla messaggistica sul sito e alla funzionalità CRM.

L’intuitivo builder di email drag-and-drop di ActiveCampaign

Il cuore della piattaforma di ActiveCampaign è il builder dell’automazione; un flow molto chiaro per costruire sequenze di marketing automatizzate attraverso i diversi canali.

 

Il builder dell’automazione di ActiveCampaign rende facile la costruzione di automazioni, simile alla lettura di un diagramma di flusso

A differenza di alcuni strumenti che richiedono consulenti e formazione per essere utilizzati, l’interfaccia intuitiva di ActiveCampaign permette a chiunque di creare potenti sequenze di automazione e-mail da zero, o importando uno degli oltre 500 template di automazione.

Mentre il test A/B delle email è offerto dalla maggior parte degli strumenti nella top 10, ActiveCampaign fa un passo avanti permettendoti di eseguire test A/B split di intere sequenze di automazione. Questo significa che puoi testare qualsiasi cosa – dal numero di punti di contatto ai ritardi tra le email e oltre. Tutto questo assicura che il tuo marketing migliori nel tempo – con il “pilota automatico”.

Le capacità di automazione avanzate come le azioni split e i test A/B rendono più facile ottimizzare i tuoi risultati

Come strumento di vendita e marketing all-in-one per le piccole imprese, ActiveCampaign è dotato di un sistema CRM incorporato per gestire le tue vendite, la chat dal vivo e naturalmente la marketing automation via e-mail in un unico posto.

Un CRM vendite integrato rende più facile la gestione di prospect e clienti, ma si connette anche al potente motore di automazione di ActiveCampaign

E, incredibilmente, hanno fatto tutto questo con un prezzo che è 1/10 di molti strumenti di email marketing presenti in questa guida – a partire da 9$/mese.

Gli intervistati del nostro sondaggio che utilizzano ActiveCampaign hanno dato giudizi estremamente positivi sul tool – ed è uno degli strumenti a cui le aziende sarebbero passate con maggiori probabilità.

Quali sono le caratteristiche principali di ActiveCampaign?

  • 125+ Modelli di e-mail
  • 800+ Integrazioni
  • Landing page
  • Messaggistica SMS
  • Report personalizzati
  • Personalizzazione web
  • CRM
  • Azioni divise e test A/B
  • Contenuto predittivo
  • Invio predittivo
  • Monitoraggio degli obiettivi e attribuzione

Per la stragrande maggioranza delle piccole imprese che cercano un grande strumento di email marketing che sia facile da usare e conveniente, ActiveCampaign è probabilmente il migliore per potenza, convenienza e facilità d’uso.

Prezzi di ActiveCampaign

  • Lite: Da $9/mese per 500 contatti
  • Plus: Da $49/mese per 1.000 contatti
  • Professional: Da $149/mese per 1.000 contatti
  • Enterprise: Da $258/mese per 1.000 contatti

Puoi saperne di più sui piani e iniziare con una prova gratuita di 14 giorni.

Prova ActiveCampaign

2. HubSpot

Il meglio per le imprese di servizi B2B

HubSpot è “world-class” nell’offrire alle aziende una piattaforma di vendita e marketing all-in-one che include un CRM, Landing page, email marketing, marketing automation, chat, moduli e tutto il resto.

Mentre alcuni sostengono che cercare di fare tutto è la rovina di HubSpot, questo gli permette di fare una cosa eccezionalmente bene: i Report.

“Metà dei soldi che spendo in pubblicità sono sprecati; il problema è che non so quale metà”.

– John Wanamaker

Usando HubSpot come spina dorsale del tuo marketing e delle vendite, puoi attribuire più facilmente le entrate alla campagna di marketing, alla newsletter o al post del blog che ha influenzato ogni vendita. In questo senso, HubSpot è più un CRM che offre email marketing e automazione, piuttosto che viceversa.

E se il tuo sito web è costruito su WordPress, allora avrai un vantaggio in più nell’utilizzare HubSpot come strumento di email marketing. HubSpot ha un plugin per WordPress che ti dà la possibilità di inviare campagne email direttamente da WordPress. Il plugin ti permette anche di utilizzare un modulo HubSpot o un widget di chat per catturare automaticamente i contatti nel tuo CRM, il tutto senza lasciare WordPress.

Hubspot può avere… un costo

Anche se molto amato, HubSpot è la seconda risposta più probabile (dietro Mailchimp) a “Quale software di email marketing stai abbandonando? ” nel nostro sondaggio di oltre 1.700 email marketer. La ragione è quasi sempre la stessa: il prezzo.

HubSpot si posiziona come un’opzione accessibile per le piccole imprese offrendo versioni gratuite dei loro prodotti – ma non farti ingannare dal gateway gratuito di HubSpot. La loro piattaforma diventa esponenzialmente costosa man mano che la tua lista o le tue esigenze di funzionalità crescono.

Un imprenditore con cui abbiamo parlato ha iniziato con un piano da 50 dollari al mese e nel giro di un anno aveva bisogno di un piano da 2.000 dollari al mese che doveva essere pagato annualmente. L’unica differenza era un extra di 15.000 contatti e l’aggiunta della marketing automation, eppure sono passati da 50 dollari a 24.000 dollari!

È qui che ci sentiamo in conflitto con HubSpot.

Da un lato, potresti ottenere la stessa funzionalità per un decimo del prezzo usando ActiveCampaignBenchmark, o la metà degli strumenti di questa guida. D’altra parte, se per te sapere cosa ha influenzato ogni vendita è una esigenza che ha un valore veramente importante, allora HubSpot è una delle scelte migliori.

Ecco perché suggeriamo HubSpot come scelta ideale per le aziende di servizi B2B, quelle in cui il valore di ottenere alcuni clienti extra all’anno coprirebbe facilmente il costo di HubSpot. Questo vale anche per le agenzie più grandi, o più sofisticate, che devono fornire ai clienti Report approfonditi sul loro funnel di marketing.

Se hai solo bisogno di un software di email marketing, HubSpot è probabilmente eccessivo. Ma se la tua ricerca di un software di email marketing fa parte di un piano più ampio per aumentare il tuo gioco di marketing e migliorare le prestazioni in tutto il tuo funnel di vendita e marketing, HubSpot è un forte concorrente – ma non aspettarti che sia economico.

Prezzi di Hubspot

  • Starter: Da $45/mese per 1.000 contatti
  • Professional: Da $800/mese per 2.000 contatti
  • Enterprise: Da $3.200/mese per 10.000 contatti

Puoi saperne di più sui piani e iniziare con un account gratuito (max. 100 contatti).

Prova Hubspot

3. Sendinblue

Migliore per le email transazionali

Sendinblue è meglio conosciuto come uno dei principali servizi di email transazionali. Basandosi su questa reputazione hanno costruito un prodotto di automazione dell’email marketing.

Usiamo Sendinblue per inviare email transazionali per alcuni progetti, in quanto sono uno dei pochi fornitori di email marketing con server nell’Unione Europea (il che ci aiuta a rispettare il GDPR) e hanno buoni tassi di deliverability (attualmente siamo al 98%).

Anche se non possiamo commentare le caratteristiche di marketing automation per esperienza diretta, è evidente dalle nostre indagini sui clienti che è un tool buono, ma manca di alcune delle caratteristiche più avanzate (come il monitoraggio degli obiettivi, le integrazioni native e le annotazioni).

Se hai bisogno di uno strumento di email marketing con una solida API per far arrivare le tue email nelle caselle di posta con un buon tasso di deliverability, le ricette per sviluppatori pre-costruite di Sendinblue lo rendono una scelta eccellente.

Quali sono le caratteristiche principali di Sendinblue?

  • Marketing automation
  • SMS
  • Chat dal vivo
  • CRM
  • Email transazionali
  • Landing page
  • Moduli di iscrizione
  • Annunci su Facebook

Prezzi di Sendinblue

  • Lite: Da $25/mese per 10.000 email mensili
  • Premium: Da $65/mese per 20.000 email mensili
  • Enterprise: Non rivelato

Puoi saperne di più sui piani e iniziare con un account gratuito (limite massimo di invio di 300 email/mese).

Prova Sendinblue

4. Drip

Migliore per i negozi di e-commerce più piccoli

Pensiamo che sia giusto dire che l’attenzione di Drip si concentra sulle piccole e medie imprese di e-commerce, mentre il nostro prossimo strumento di email marketing (Omnisend) sembra più adatto ai negozi di e-commerce più grandi.

Come è lecito aspettarsi, Drip si integra profondamente con tutte le principali piattaforme e-commerce come Shopify, Magento e WooCommerce – così come quelle meno note e quelle personalizzate.

Con l’analisi delle entrate integrata e gli strumenti per coinvolgere i clienti su più canali (dai canali sociali agli SMS) Drip è idealmente posizionato come un potente strumento per la crescita dei negozi di e-commerce.

Anche i loro prezzi sono accettabili, a partire da $19/mese per liste di piccole dimensioni.

Quali sono le caratteristiche chiave di Drip?

  • Automazione visiva
  • Email e SMS marketing
  • Blocchi di contenuto dinamico per l’e-commerce
  • Codici di sconto
  • Segmentazione dell’e-commerce
  • Retargeting
  • Integrazioni di negozi e-commerce
  • Dashboard
  • Sequenze di split test

Prezzi di Drip

  • 500 contatti: Da $19/mese
  • 2k contatti: Da $29/mese
  • 10k contatti: Da $154/mese
  • 100k contatti: Da $1.2k/mese

Puoi saperne di più sui piani e iniziare con una prova gratuita di 14 giorni.

Prova Drip

5. Omnisend

Migliore per e-commerce medio-grandi

Omnisend sta diventando rapidamente una delle principali piattaforme di marketing per gli e-commerce.

Progettato per aiutare i marchi di e-commerce a controllare il loro marketing su più canali, Omnisend offre email automatizzate, SMS, notifiche push e, cosa più impressionante, integrazioni con Google Ads, Instagram, Facebook Ads, Messenger e WhatsApp – che sostengono di avere tassi di clic superiori di 10 volte rispetto alle email.

Concentrandosi esclusivamente sull’e-commerce, Omnisend ha costruito modelli di e-mail innovativi progettati per ridurre l’abbandono del carrello e guidare gli acquirenti ripetuti. Dalle offerte della ‘ruota della fortuna’ ai gratta e vinci virtuali e agli sconti di compleanno, è evidente che Omnisend è costruita da un team intimamente consapevole di ciò che funziona nell’e-commerce.

Come ti aspetteresti da uno strumento di email marketing per l’e-commerce, Omnisend si collega alla maggior parte delle piattaforme e-commerce, tra cui Magento, Shopify e BigCommerce. Dove Omnisend fa un passo avanti è nell’integrazione con le piattaforme di recensioni, fedeltà e help desk, come Yotpo, Smile.io e ReCharge.

Questo non solo permette a Omnisend di riferire su come le tue campagne impattano sulle vendite, ma ti permette di attivare campagne email, SMS e social basate sul comportamento dei tuoi clienti per ridurre l’abbandono del carrello, aumentare i clienti ricorrenti, guidare più recensioni sui prodotti e altro ancora.

Se vuoi le caratteristiche che distinguono veramente Omnisend, avrai bisogno di un account PRO che parte da 199 dollari al mese per un massimo di 10.000 contatti. Anche se non è il più economico, né il più facile da usare, Omnisend è una buona opzione per gli e-commerce che vogliono una piattaforma multicanale che li domini tutti.

Quali sono le caratteristiche chiave di Omnisend?

  • Builder di email visivo
  • Notifiche e-mail, SMS e Push
  • Email transazionali e di marketing
  • Codici sconto dinamici
  • Segmentazione dell’e-commerce
  • Retargeting
  • Indagini e sondaggi
  • Segnala a un amico
  • Popup e moduli – ruota della fortuna, gratta e vinci ecc.
  • A/B test

Prezzi di Omnisend

  • 500 contatti: Da $16/mese
  • 2k contatti: Da $30/mese
  • 10k contatti: Da $115/mese
  • 100k contatti: Da $720/mese

Puoi saperne di più sui piani e iniziare con un account gratuito (max. 250 contatti e 500 emails/mese).

Prova Omnisend

6. Autopilot

Il migliore per la marketing automation

Sono finiti i giorni in cui l’email marketing consisteva nell’invio di newsletter di massa.

Nel panorama digitale di oggi, è essenziale che l’email marketing sia intelligente; inviare i messaggi giusti ai contatti giusti al momento giusto, automaticamente.

Ecco perché tutti i nostri dieci migliori fornitori di email marketing forniscono la marketing automation. Come suggerisce il nome, questa è la specialità di Autopilot. Per di più, hanno uno dei migliori workflow progettati per costruire sequenze di automazione via e-mail.

Chiunque abbia mai costruito una sequenza di automazione e-mail sa quanto velocemente possa diventare confusa. Autopilot risolve questo in un modo piuttosto eccentrico, permettendoti di annotare le tue sequenze di automazione con emoji, adesivi e spiegazioni, rendendo facile per i team collaborare alla costruzione delle sequenze.

Sì, può diventare disordinato – ma meglio un po’ di casino ed essere in grado di capire cosa sta succedendo, piuttosto che avere dei bei workflow di automazione che richiedono mezz’ora per essere interpretati!

Un’altra caratteristica che amiamo di Autopilot è la sua capacità di attivare azioni nei tuoi altri strumenti all’interno di Autopilot. Questo evita di dover configurare le integrazioni utilizzando uno strumento come Zapier e rende le tue sequenze molto più facili da capire.

A partire da 49 dollari al mese per 2.000 contatti, Autopilot non è certo l’opzione più economica, soprattutto considerando che Autopilot non offre un CRM integrato. Tuttavia, Autopilot è estremamente intuitivo e ottimo per i team che hanno bisogno di collaborare su potenti sequenze di automazione e-mail. Se dovessimo fare lo switch da ActiveCampaign, questo è probabilmente il tool che sceglieremmo.

Prova Autopilot

7. Benchmark

Il meglio per le agenzie

Benchmark è un’opzione interessante per qualsiasi azienda che cerchi uno strumento di email marketing ben progettato e facile da usare.

Anche se non sono così noti come altri strumenti nella top ten, sono diventati una risposta sempre più popolare alla domanda “Su quale strumento ti stai spostando?” nella nostra indagine.

Benchmark fa tutto abbastanza bene e ha un prezzo ragionevole, ma c’è una cosa che lo distingue veramente dagli altri strumenti di email marketing – ed è il design.

Tutto, dai loro modelli alla piattaforma stessa, è ben progettato – e non solo visivamente stiloso, ma con una grande user-experience. Anche se può sembrare banale per alcuni, fa la differenza quando si tratta di capire i tuoi dati e fare il figo con i clienti.

Benchmark è una buona scelta per qualsiasi piccola impresa che ha bisogno di un software di email marketing e automazione semplice e facile da usare. È probabile che sia una scelta particolarmente buona per le piccole agenzie e società di consulenza dove il design è importante sia dal punto di vista della formazione del personale – e anche per fornire una buona esperienza ai clienti.

Quali sono le caratteristiche chiave di Benchmark?

  • Costruttore di email visive
  • Marketing automation
  • 1.500+ Integrazioni
  • Landing page
  • Indagini e sondaggi
  • Segnalare
  • Moduli di iscrizione
  • A/B test

Prova Benchmark

8. Mailchimp

Ottima per aziende e blogger

Mailchimp è uno strumento di email marketing relativamente semplice utilizzato da ogni tipo di azienda, da freelance a piccole, medie e grandi aziende.

La piattaforma è abbastanza semplice da utilizzare ed è stata una delle prime. Ha tutto quello che ti aspetti da una piattaforma completa, con cui gestire newsletter, liste, automazioni ma anche landing page e campagne pubblicitarie su Facebook.

Prova Mailchimp

#9 MailerLite

Buono per progetti personali

All’estremità opposta del prospetto dei prezzi, abbiamo MailerLite, che è tra i migliori strumenti di email marketing per rapporto qualità-prezzo (è gratuito per inviare fino a 12.000 email/mese a meno di 1.000 contatti).

A differenza degli altri strumenti di email marketing per principianti, MailerLite è uno strumento universalmente valido a prescindere dal settore. Sia che tu stia sviluppando una piccola onlus, un’attività secondaria o che tu sia un freelance agli inizi, MailerLite offre tutto ciò di cui hai bisogno per inviare campagne di email marketing di massa.

Se sei una piccola impresa, ti suggerirei uno strumento come ActiveCampaign, che offre un CRM integrato e funzioni di marketing più avanzate per circa lo stesso prezzo.

Se vuoi provare MailerLite, puoi provare il tool per 14 giorni tramite questo link.

Prova Mailerlite

10. EmailOctopus

Il meglio per gli sviluppatori

C’è stata a lungo l’idea nell’email marketing che il modo più conveniente per inviare email è usare il Simple Email Service (SES) di Amazon. Tuttavia, l’interfaccia utente non è costruita per i team di marketing per creare campagne.

Molti servizi di email marketing hanno cercato di colmare questo divario – da Sendy a Moonmail, ma spesso hanno finito per essere a corto di funzioni o per gravitare verso l’essere più sviluppatori-centrici.

EmailOctopus ha raggiunto questo equilibrio.

I benefici di Amazon SES, senza gli svantaggi

Il Simple Email Service (SES) di Amazon è imbattibile dal punto di vista dei costi e la deliverability è di prima classe. Ma crea un enorme collo di bottiglia se utilizzato per inviare le tue campagne di marketing.

Ogni campagna, correzione di un errore di battitura e sequenza di e-mail deve essere presentata come un compito di sviluppo, dirottando le scarse risorse di progettazione e sviluppo verso qualcosa che, francamente, è una palese perdita di tempo degli sviluppatori.

EmailOctopus colma questa lacuna. Costruito sulla base di Amazon SES, EmailOctopus ti dà i benefici infrastrutturali di AWS, mentre ti permette di costruire le tue campagne email in un’interfaccia utente user-friendly.

Il principale svantaggio di EmailOctopus è, paradossalmente, proprio la sua semplicità. Se stai solo inviando campagne email ad una lista va bene, ma non aspettarti l’attribuzione multi-touch o il builder dell’automazione visuale che troveresti in uno strumento come ActiveCampaign.

Prova EmailOctopus

Avendo coperto i pro e i contro dei dieci migliori strumenti di email marketing, ora li confronteremo testa a testa in nove aree che definiscono un grande strumento di email marketing.

Cosa dovresti cercare in un software di email marketing?

Il software di email marketing deve far crescere il tuo business facendoti risparmiare tempo e convertendo i tuoi contatti in clienti, e quei clienti in clienti abituali – con il pilota automatico.

Dall’indagine di oltre 1.700 marketer in procinto di cambiare il loro software di email marketing, abbiamo scoperto nove fattori che separano le piattaforme buone da quelle migliori:

  1. 💰 Confronta il costo
  2. 😌 Confronta UX
  3. 📮 Confronta la Deliverability
  4. ✨ Confronta le caratteristiche
  5. 🤝 Confronta i CRM
  6. 📊 Confronta i Report
  7. 🔌 Confronta le integrazioni
  8. 🙋 Confronta il supporto e la formazione
  9. 🔒 Confronta la sicurezza

Naturalmente, ogni strumento di email marketing ti dirà che è il massimo in tutti e nove, ma analizzando i dati e osservando perché i marketer lasciano le diverse piattaforme di email, siamo in grado di ottenere un quadro molto più onesto.

1. Il migliore per l’accessibilità

Cosa differenzia uno strumento da 100$/mese da uno da 20$/mese?

A volte molto poco, a volte molto. HubSpot, per esempio, può far pagare 10 volte di più della maggior parte degli strumenti di email marketing ma offre una piattaforma all-in-one per il marketing e le vendite che include tutto, dalle landing page alla live chat, ad uno strumento di gestione dei social media e al CRM. D’altra parte, ActiveCampaign offre un’enorme quantità di valore pur rimanendo uno degli strumenti di email marketing più convenienti sul mercato.

Confrontare i software di email marketing basandosi solo sul costo è però pericoloso. Ecco perché è importante guardare tutti i nove fattori in questo articolo, e assicurarti che stai scegliendo lo strumento giusto per il tuo lavoro, piuttosto che il più economico.

“Non c’è quasi nulla al mondo che un uomo non possa rendere un po’ peggio e vendere un po’ più a buon mercato, e le persone che considerano solo il prezzo sono la preda legittima di quest’uomo”.

– John Ruskin

Cautele a parte, ecco un confronto dettagliato del costo mensile di tutti e dieci gli strumenti di email marketing ordinati dal più conveniente al meno.

Sarebbe superficiale non sottolineare che costo e valore non sono la stessa cosa. HubSpotActiveCampaign e, in una certa misura, Omnisend offrono tutte piattaforme all-in-one per il marketing e le vendite con molte caratteristiche che vanno oltre l’email marketing, mentre gli altri sono principalmente solo per la gestione e l’automazione dell’email marketing.

Scegli bene la tua piattaforma

Il tuo strumento di email marketing è qualcosa che idealmente non vuoi cambiare spesso, quindi conviene scegliere uno strumento che offra non solo quello di cui hai bisogno oggi, ma anche quello di cui avrai bisogno per i prossimi anni.

Soprattutto, scegli lo strumento che ti dà la migliore opportunità di far crescere il tuo business.

In questa prossima sezione, delineeremo i tre migliori fornitori di software di email marketing per ognuno dei nove fattori, in modo che tu possa confrontare tre scelte solide, basate sui fattori che sono più importanti per te.

2. Migliore per la facilità d’uso

Con alcuni strumenti di email marketing, ci sono volute tre ore per rendere un modello di email marketing accettabile su un dispositivo mobile. Mentre tutti gli strumenti di email marketing presentati offrono email builders visuali e interfacce facili da usare, alcuni sono migliori di altri.

Mentre alcuni sono facili da usare perché offrono pochi fronzoli, altri trovano un equilibrio tra l’essere potenti e facili da usare. I seguenti tre strumenti fanno quest’ultima cosa:

  1. ActiveCampaign
  2. Benchmark
  3. Mailerlite

Piuttosto che spiegare quanto siano facili da usare questi tre strumenti, lascerò che siano gli screenshot dei loro editor di email a parlare.

1. ActiveCampaign


2. Benchmark


3. MailerLite


3. Migliore per la deliverability

Uno strumento di email marketing è inutile se le tue email finiscono nella cartella dello spam. Ecco perché, per quanto possa essere noioso, la deliverability è un fattore cruciale.

Per ottenere i migliori tassi di deliverability, ci sono alcune cose che i servizi di email marketing devono fare:

  • Contrassegnare i clienti per la revisione se ricevono troppi reclami o email rimbalzate
  • Rimuovere i clienti che spammano
  • Monitorare le liste nere
  • Gestisci la reputazione dei loro indirizzi IP.

Tutti gli strumenti di email marketing nella nostra top ten fanno tutto questo. Indipendentemente dallo strumento che scegli, puoi aspettarti tassi di consegna nel 98-99,9%.

Ma se per te è particolarmente importante avere i più alti tassi di deliverability immaginabili, ci sono due strumenti in particolare che vanno oltre: ActiveCampaign EmailOctopus.

L’impressionante deliverability di ActiveCampaign è il risultato di 17 anni di ottimizzazione e di supporto ai clienti per aiutarli a scrivere email migliori. Forniscono un comodo strumento di ‘controllo dello spam’ per prevedere quanto è probabile che un’email arrivi nella casella di posta, e se il punteggio è troppo basso ti suggerisce quali cambiamenti dovresti fare.

L’alta deliverability di EmailOctopus è il risultato del fatto che si basa sull’infrastruttura SES di Amazon – che ha tassi di deliverability molto alti.

Se vuoi gestire la deliverability direttamente, potresti voler acquistare un IP dedicato per l’invio delle email. Questa caratteristica è offerta da entrambe le aziende.

4. Il migliore per le funzioni di email marketing

Se provi uno qualsiasi degli strumenti di email marketing presenti in questo articolo, scoprirai che tutti offrono le caratteristiche standard che ti aspetteresti da uno strumento di email marketing, come i builder di campagne email visuali, modelli di email pre-progettati e autoresponder.

Solo una manciata di tool vanno oltre con funzioni aggiuntive di email marketing progettate per farti risparmiare tempo e ottenere risultati migliori. Ecco i nostri tre migliori strumenti di email marketing che vanno oltre le caratteristiche.

  1. ActiveCampaign
  2. HubSpot
  3. Omnisend

ActiveCampaign

Test A/B di automazione – Mentre la maggior parte degli strumenti di email marketing ti permette di effettuare test parziali dell’oggetto, dei tempi di invio e del contenuto, ActiveCampaign è uno dei pochi servizi che ti permette di effettuare test parziali delle sequenze di automazione.

Questo significa che puoi effettuare dei cambiamenti radicali come l’invio di dieci email ai nuovi contatti contro solo quattro, per vedere quale sequenza ha il più alto tasso di conversione.

Contenuto condizionale – ActiveCampaign è uno degli unici servizi di email marketing che ti permette di includere blocchi di contenuto condizionale ‘SE X è vero, mostra Y’ all’interno delle campagne email.

Lo usiamo per localizzare i prezzi (cioè mostrare $ negli Stati Uniti, £ nel Regno Unito e € in Europa) e mostrare diversi articoli consigliati a diversi clienti in base al loro piano o livello di impegno.

Variabili globali – Abbiamo oltre 200 email automatiche impostate nel nostro account ActiveCampaign. Cosa succede se, per esempio, voglio cambiare qualcosa nella mia firma e-mail? O aggiornare il prezzo di uno dei nostri piani?

Con altri strumenti di email marketing, dovresti andare in ogni email e aggiornare manualmente i cambiamenti uno per uno. Qui è dove le variabili globali rappresentano un grande risparmio di tempo. Invece di inserire il prezzo reale in una campagna e-mail puoi inserire %price% e sostituirà tutte le variabili con il prezzo reale quando l’e-mail verrà inviata.

Ricette di automazione scaricabili – ActiveCampaign è uno dei pochissimi strumenti di email marketing ad offrire una serie di ‘ricette’ di automazione. Invece di passare giorni a costruire un’elaborata sequenza di email di upsell, puoi semplicemente usarne una che hanno già fatto e poi aggiustare il contenuto in modo che si adatti al tuo brand.

Oltre a risparmiare un sacco di tempo, queste ricette sono una grande fonte di ispirazione.

HubSpot

Smart Content – Simile alla funzione di contenuto condizionale offerta da ActiveCampaign, Smart Content ti permette di nascondere e mostrare blocchi di contenuto nelle tue campagne email in base a dove si trova un contatto nel tuo ciclo di acquisto o in quali liste si trova.

Emoji nell’oggetto – Si è scoperto che l’uso delle emoji nell’oggetto aumenta il tasso di apertura fino al 45%. Mentre tecnicamente puoi mettere le emoji nell’oggetto usando quasi tutti gli strumenti di email marketing, HubSpot lo rende un po’ più facile avendo un pulsante emoji accanto alla casella dell’oggetto.

Profilazione progressiva – Diciamo che un lead visita il tuo sito web il primo giorno e si iscrive per scaricare un whitepaper. Il giorno dopo torna sul tuo sito web per saperne di più.

Invece di mostrare lo stesso modulo chiedendo il loro nome e indirizzo e-mail, HubSpot ti permette di identificare questo lead e mostrare un’offerta diversa, o fare una serie diversa di domande per profilare le lead nel tempo. Questa profilazione progressiva ti permette di inviare campagne email più personalizzate man mano che raccogli più informazioni sulle tue lead.

3. Omnisend

Omnisend offre una gamma impressionante di funzioni di email marketing per gli e-commerce.

Campaign Booster – Omnisend ha una funzione ‘campaign booster’ che reinvia automaticamente le campagne agli abbonati che non hanno aperto una campagna email (un vantaggio veloce che Omnisend afferma che aumenta le vendite via email fino al 30%).

Product Picker – Oltre ad essere in grado di trascinare i prodotti dal tuo negozio direttamente nelle campagne email (un enorme risparmio di tempo), Omnisend ha anche diversi modelli di email che aumentano il CTR, come i gratta e vinci e i pacchetti regalo.

Codici di sconto – Un’ultima caratteristica veramente utile per gli e-commerce manager è il generatore di codici di sconto di Omnisend, che si collega al tuo negozio di e-commerce e genera automaticamente dei codici di sconto unici per incentivare i clienti a comprare di nuovo da te.

5. Il migliore per le funzioni di CRM e marketing automation

A meno che tu non sia una grande impresa, probabilmente ha senso utilizzare uno strumento di email marketing che abbia anche un CRM (gestione delle relazioni con i clienti) incorporato e funzionalità di marketing automation.

La ragione di questo è che l’email marketing funziona meglio quando le email vengono inviate alle persone giuste al momento giusto – e i dati necessari per permettere questo sono spesso memorizzati in un sistema CRM. Mentre puoi far funzionare questo con un CRM separato, integrare i due è un passo in più che potrebbe essere evitato.

Questo requisito tecnicamente esclude tutti tranne due dei nostri dieci migliori, con HubSpot e ActiveCampaign che rimangono. Abbiamo incluso qui anche Autopilot, che nonostante non abbia un CRM ha eccezionali integrazioni native con i CRM più popolari e ha le migliori caratteristiche di marketing automation che abbiamo visto.

#1 HubSpot

HubSpot è il leader indiscusso in questa categoria. Come piattaforma all-in-one per le vendite e il marketing, offrono un sistema CRM completo, oltre a strumenti integrati per il blogging, la gestione dei social media, la creazione di landing page e… qualsiasi cosa ti venga in mente probabilmente la offrono!

Il loro sistema CRM è estremamente potente, ma semplice da utilizzare. Puoi visualizzare le offerte in formato pipeline (come mostrato sopra) o come una lunga lista in una tabella.

Poiché HubSpot contiene così tanti dati su ognuno dei tuoi contatti, puoi utilizzare la loro piattaforma di marketing automation per costruire sequenze di email che utilizzano i dati del CRM per attivare le email ai contatti in base al loro comportamento.

Francamente, il builder dell’automazione dell’email marketing di HubSpot non è il migliore che abbiamo visto – ma in tandem con il loro CRM, è una caratteristica potente.

#2 ActiveCampaign

Come puoi vedere qui sotto, il CRM di ActiveCampaign è molto simile a quello di HubSpot nel design e nelle funzionalità.

Similmente a HubSpot, ActiveCampaign tiene traccia dell’attività dei tuoi lead sul tuo sito web (o app) e può spostare automaticamente i lead in diverse fasi della tua pipeline in base alle pagine che hanno visitato, se hanno acquistato un prodotto, cliccato su un’email ecc.

Puoi anche approfondire il profilo di qualsiasi lead o cliente per vedere la storia completa di ogni interazione che quella persona ha avuto con la tua azienda da quando ti ha dato il suo indirizzo e-mail.

Dove ActiveCampaign davvero si distingue, è la creazione delle email attraverso il suo marketing automation builder. Abbiamo già toccato questo argomento nelle sezioni precedenti di questo articolo, quindi non entreremo molto più in dettaglio qui.

3. Autopilot

Mentre Autopilot non ha un CRM incorporato, la sua piattaforma di marketing automation non è seconda a nessuno e si integra nativamente con una manciata di CRM più popolari (incluso HubSpot CRM, Pipedrive e Salesforce).

Se usi un CRM che non è elencato sopra, Autopilot offre anche un’integrazione Zapier, così come un’integrazione nativa con Segment, permettendoti di mantenere il tuo CRM in sincronia e di attivare le tue sequenze di automazione dagli aggiornamenti nel tuo CRM.

6. Migliore per il reporting e l’analisi

La maggior parte degli strumenti di email marketing offre molto poco quando si tratta di funzionalità di reporting, al punto che capire quali email stanno generando un ritorno positivo sugli investimenti può essere una domanda sorprendentemente difficile a cui rispondere.

Nella nostra rassegna dei dieci migliori strumenti di email marketing, siamo rimasti più colpiti dall’analisi delle email e dai Report offerti da queste tre aziende.

#1 HubSpot

HubSpot ha un vantaggio… sleale 😁

Essendo una piattaforma di marketing all-in-one, non dovrebbe sorprendere che offra un’enorme varietà di Report, rispondendo ad ogni domanda di marketing immaginabile. Per dare credito a ciò che è dovuto, queste non sono vanity metrics; HubSpot fa un ottimo lavoro nel rispondere alle domande difficili che in realtà forniscono intuizioni utili.

Naturalmente, questo tipo di reportistica ha un costo (HubSpot non è economico, come abbiamo già detto) ma ottieni molte più informazioni rispetto al semplice sapere quante persone hanno aperto o cancellato le tue campagne email.

I loro Report sulle campagne sono facili da digerire e veramente approfonditi. È interessante notare che HubSpot è uno degli unici strumenti di email marketing che riporta il tempo che le persone passano a leggere un’email.

2. Autopilot

Quello che ci piace particolarmente di Autopilot è che puoi impostare l’obiettivo di ogni flow di automazione e visualizzare i report se quel flow sta raggiungendo il suo obiettivo.

Per esempio, posso impostare un obiettivo in cui il mio flow di lead nurturing dovrebbe convertire il 20% dei contatti che vi entrano per acquistare il mio prodotto e poi creare un report con questa informazione.

Oltre a questo, il reporting di Autopilot è abbastanza basilare, con i soliti Report sulle prestazioni della campagna e gli approfondimenti della lista dei contatti.

3. ActiveCampaign

In un certo senso, sono riluttante a presentare ActiveCampaign in questa sezione, dato che il loro reporting non è sicuramente il loro punto forte. Ma, se c’è da dargli credito, ha fatto molta strada nell’ultimo anno ed è ancora molto meglio di molti altri strumenti per la stessa ragione di Autopilot sopra – si concentra sul monitoraggio degli obiettivi.

La grande differenza è che, mentre Autopilot è riuscito a rendere tutto questo bellissimo, la visualizzazione di ActiveCampaign di questi Report è un po’ contorta.

Il reporting di ActiveCampaign può rispondere a quasi tutte le domande che gli poni – ma devi essere abbastanza attento a sapere qual è quella domanda 🤣

Dove HubSpot e Autopilot forniscono risposte di alta qualità in modo chiaro, l’approccio di ActiveCampaign è più simile al vomito dei dati attraverso 20 pagine o giù di lì, rendendo difficile decifrare il valore dalle metriche di vanità. È come quando chiedi al tuo sviluppatore di disegnare un form, per capirci…

7. Migliore per le integrazioni

In questi giorni, la maggior parte degli strumenti di email marketing si integra con Zapier (uno strumento di terze parti che ti permette di inviare dati a più di 1.000 app e strumenti di terze parti) piuttosto che costruire il proprio buffet di integrazioni. Ci sono alcune eccezioni, come Autopilot, che ha un’enorme varietà di integrazioni native.

I migliori strumenti di email marketing per l’integrazione con strumenti di terze parti sono:

  1. ActiveCampaign
  2. Autopilot
  3. HubSpot

Quando si tratta di integrazioni Zapier, non tutte sono create uguali. Ogni ‘zap’ (integrazione) ha due parti: Un trigger e un’azione. Per esempio, diciamo che vuoi costruire un’integrazione in modo che ogni volta che qualcuno si iscrive alla tua mailing list (il trigger), venga automaticamente aggiunto ad un foglio di calcolo di Google (l’azione), questo può essere costruito in pochi minuti utilizzando Zapier.

In generale, più trigger e azioni fornisce uno strumento di email marketing, più facile è automatizzare i compiti. Qui sotto c’è una lista dei dieci migliori strumenti di email marketing, classificati dal più alto numero di trigger, azioni e ricerche al più basso.

8. Il migliore per il supporto clienti e la formazione

1. ActiveCampaign

ActiveCampaign è l’unico strumento di email marketing ad offrire un Impegno per il successo del cliente, che delinea una serie di standard riguardanti la formazione, il supporto e la fiducia che ti puoi aspettare da ActiveCampaign.

Inutile dire che è un prodotto eccellente. Dal supporto per l’implementazione e la migrazione, all’accesso alla comunità di ActiveCampaign, agli eventi di persona e alle ricette di automazione pre-costruite, puoi essere sicuro di essere in mani sicure.

Vale anche la pena sottolineare che, mentre ActiveCampaign offre una vasta gamma di video, guide e documentazione, siamo stati in grado di costruire sequenze di automazione senza alcuna formazione, grazie a quanto è facile usare la piattaforma.

Come clienti, abbiamo dovuto contattare il supporto di ActiveCampaign solo un paio di volte e ogni volta abbiamo avuto una risposta entro poco tempo con una soluzione.

2. HubSpot

HubSpot ha probabilmente costruito il suo intero business intorno alla formazione.

HubSpot ha inventato la frase ‘inbound marketing’ e ha acquisito decine di migliaia di clienti proprio attraverso le strategie che descrive. Bloggando, organizzando eventi e diventando un leader nell’inbound marketing, i clienti sono “arrivati” – invece di doversi affidare al marketing tradizionale.

Come tale, puoi aspettarti una formazione di livello top quando ti iscrivi a HubSpot. Dai corsi e dalle certificazioni agli eBook e alla loro conferenza annuale INBOUND, HubSpot fornisce ai propri clienti molte opportunità per salire di livello.

Una nota: HubSpot addebita costi aggiuntivi per i servizi di onboarding. Il costo non è irragionevole (dato che stai effettivamente pagando per diverse ore del tempo di un Hubspotter), ma notiamo quanto ActiveCampaign sia generosa offrendo l’onboarding gratuitamente.

Anche per quanto riguarda il supporto, HubSpot è eccezionale. Con il supporto telefonico, email e live chat, puoi essere sicuro che se sorgono dei problemi, saranno risolti rapidamente.

3. Drip

Allo stato attuale, Drip offre a tutti i clienti l’accesso al suo success team, che offre supporto a livello di agenzia per l’ottimizzazione della deliverability, la strategia e il supporto tecnico – gratuitamente.

Oltre a questo, Drip offre parecchi webinar, guide e corsi mirati a far progredire le tue conoscenze di e-commerce email marketing.

9. Il migliore per la sicurezza e la conformità

Se catturi dati personali sensibili o, a causa del tuo settore o delle tue dimensioni, hai bisogno di un fornitore di email marketing che abbia particolari certificazioni di sicurezza e di conformità alla privacy, ti suggeriamo uno dei tre:

  1. ActiveCampaign
  2. HubSpot
  3. MailerLite

Come ti aspetteresti, questi grandi e vecchi fornitori di email marketing tendono ad essere l’opzione migliore quando si tratta di sicurezza e conformità. Tutti e tre i servizi di cui sopra forniscono un’ampia documentazione sui loro siti web sulle loro misure di sicurezza e conformità.

Per un confronto più dettagliato di quali certificazioni di sicurezza/compliance e caratteristiche offrono questi tre strumenti di email marketing, abbiamo creato la tabella qui sotto.

Ecco alcuni link utili per saperne di più:

Spero che questa guida ti sia stata utile per aiutarti a scegliere uno strumento di email marketing. Se hai qualche feedback o domande senza risposta, sentiti libero di contattarci!

###

Condividi il post con i tuoi amici nei social o nel tuo blog.

Ciao squaletto!

###

 

Articolo tradotto, adattato e integrato dall’originale in inglese sul sito Ventureharbour

Rimani aggiornato. Ricevi post come questo via email!
Odiamo lo spam anche noi, non ti bombarderemo né condivideremo la tua email. Promesso!

Inviando questo form confermi di aver letto la nostra politica sulla privacy e presti il consenso per ricevere comunicazioni di marketing da Webing.
Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Lascia un commento