Spesso quando si parla di growth hacking si leggono degli esempi di startup famose che ormai sono diventate degli “unicorni”. Tra questi esempi, Airbnb è uno di quelli più citati e noti. Ma in questo post voglio parlarti di un hack “più raro”, di cui si parla invece pochissimo, non del solito “Craigslist”. ⬇️ ⬇️ ⬇️

Tra chi si occupa di growth hacking, tutti o quasi sanno che all’inizio, per far conoscere il loro servizio e creare traffico verso il sito, i founder pensarono bene di pubblicare i listing degli immobili non solo su Airbnb, che non conosceva nessuno, ma anche su Craigslist, uno dei siti di annunci più utilizzati negli USA.

esempi growth hacking Airbnb

È il principio della “cannuccia più lunga”: non cercare un altro mare, vai a pescare più lontano, dove sai che ci sono i tuoi clienti!

Però i modelli di crescita, quando funzionano bene, prevedono dei growth hack diversi da applicare in momenti diversi: ad esempio, ancora prima del listing c’era il problema dell’acquisizione degli immobili per creare i listing.

Ti sei mai chiesto come hanno fatto a trovare persone disposte a inserire il loro annuncio su un sito web a quell’epoca del tutto sconosciuto?

Ti diamo un piccolo indizio: i siti di riferimento erano HomeAway (leader), Roomorama.com (molto usato negli USA), Wimdu (praticamente il primo vero competitor di Airbnb: avevano un sito identico, te lo ricordi?).

growth hacking airbnb competitor

Risolto il problema dei listing, il successivo growth hack di Airbnb sai qual è stato? Niente di tecnico, nessuno scraping né magie: prevederono il servizio fotografico gratuito per i proprietari degli immobili.

Investirono sulla qualità: uno dei problemi principali per la crescita era di tipo qualitativo: con fotografie brutte, era nel complesso più difficile creare un bel prodotto.

L’assunzione di base da cui partì Airbnb fu: gli host con fotografie professionali otterranno più prenotazioni. Quindi gli host richiederanno il servizio.

Offrendo servizi fotografici gratuiti ai proprietare di case e appartamenti, oltre a migliorare moltissimo la qualità dei listing e l’estetica complessiva del sito, resero Airbnb anche una piattaforma molto più appealing rispetto ai competitor: nessuno offriva questo servizio! Il servizio fu infatti copiato successivamente proprio da Wimdu, che non aveva però i mezzi finanziari per competere alla lunga.

Quando iniziarono a testare l’idea non investirono su migliaia di fotografi: bisognava sempre validare l’assunzione di base, che era ovviamente frutto di un’intuizione intelligente ma pur sempre da testare sul campo.

esempi growth hacking 2017

Si limitarono quindi ad appena 20 fotografi: nel 2011 iniziarono e nel 2012, validata con successo l’idea, Airbnb realizzava già quasi 5.000 servizi fotografici al mese!

Altri esempi reali gestiti in prima persona e case history di aziende famose sono a tua disposizione partecipando al nostro workshop.

Fonti: Andy Young, Lean Analytics Book, RJ Metrics

Ricevi già la nostra USEletter?
Iscriviti e ricevi segreti, tips, hacks e buoni sconto per i nostri workshop.
Odiamo lo spam anche noi, non ti bombarderemo né condivideremo la tua email. Promesso!

MI ISCRIVO!